A.P.M. S.p.A. utilizza Cookie tecnici per offrire una migliore navigazione di qualità e per rendere il nostro sito web facile da utilizzare.

Si comunica che in adempimento alla Delibera AEEGSI n. 252/17, nello scorso mese di Agosto è stata emessa la fattura di conguaglio per le utenze la cui fatturazione era stata sospesa successivamente agli eventi sismici dell’anno 2016. Il ricalcolo dei consumi è stato effettuato con l’applicazione delle agevolazioni vigenti, ed ha interessato gli importi in precedenza già addebitati e oggetto di sospensione di pagamento; con tale operazione riprende inoltre la fatturazione che precedentemente era stata sospesa. 

QUALI UTENZE SONO INTERESSATE DALLA PRESENTE FATTURAZIONE

Il conguaglio è stato effettuato per le utenze agibili, con esclusione dei soggetti danneggiati che hanno dichiarato l’inagibilità, per i quali il conguaglio verrà effettuato a partire dal mese di Gennaio 2019. Sono inoltre stati conguagliati i consumi alle utenze danneggiate dal sisma ma tornate agibili successivamente. Infine, è stato effettuato il ricalcolo anche alle utenze attivate successivamente alla data del sisma a seguito di trasferimento per inagibilità dell’abitazione principale.

APPLICAZIONE AGEVOLAZIONI

Le agevolazioni prevedono l’azzeramento delle componenti tariffarie (quota fissa, acquedotto, fognatura e depurazione) e delle componenti UI di perequazione per 3 anni dalla data del sisma (26/10/2016). Gli importi di competenza successiva a tale data sono stati totalmente stornati e ricalcolati con l’applicazione delle agevolazioni tariffarie. Se l’importo della presente fattura è positivo, occorre effettuare il pagamento; viceversa se l’importo è negativo verrà liquidato il rimborso delle somme dovute.

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Se l’importo complessivo dovuto è inferiore a 50 euro il pagamento va effettuato in un’unica soluzione utilizzando il bollettino allegato alla fattura; per gli utenti che hanno attivato la domiciliazione bancaria o postale della bolletta, il pagamento verrà effettuato in automatico (salvo buon fine) alla scadenza.

Se l’importo complessivo dovuto è superiore a 50 euro la fattura viene automaticamente rateizzata senza l’applicazione di interessi o spese; è comunque possibile effettuare il pagamento in un’unica soluzione per chi non intende avvalersi della rateizzazione automatica. 

MODALITA’ DI RIMBORSO

Nel caso di fattura a credito per l’utente, va precisato che in taluni casi l’importo da rimborsare potrà differire da quello indicato nella presente fattura: infatti, in presenza di fatture non pagate, emesse a partire dalla data del sisma, l’importo a credito verrà utilizzato a copertura parziale o totale di detti documenti.

Per il rimborso delle somme a credito, l’utente intestatario della fattura dovrà recarsi in qualsiasi Ufficio Postale presentando un documento di identità valido e il proprio codice fiscale (rif. Operazione: BONIFICO DOMICILIATO PER TERREMOTO); il rimborso, già disponibile, può essere incassato solo dall’intestatario dell’utenza. Le somme per il rimborso saranno disponibili fino alla data del 31 Ottobre 2018. 

Per utenti con domiciliazione bancaria/postale attiva, il rimborso è invece già stato effettuato entro il 30/09/2018 con bonifico bancario.