A.P.M. S.p.A. utilizza Cookie tecnici per offrire una migliore navigazione di qualità e per rendere il nostro sito web facile da utilizzare.

Servizio di Conciliazione

Per garantire ulteriore Tutela all'Utente, l'Assemblea di Ambito Territoriale Ottimale n. 3 "Marche Centro - Macerata" ha sottoscritto una Convenzione con la Camera di Commercio di Macerata che mette a disposizione il proprio Servizio di Conciliazione per la risoluzione delle eventuali controversie tra le Società che gestiscono il Servizio Idrico e l'Utente.
Tale servizio rappresenta il Terzo livello di Tutela che l'AAto3 Marche garantisce, nonchè uno strumento di rapida soluzione per rispondere alle esigenze del Consumatore evitando di ricorrere alla giustizia ordinaria.
La domanda per la Procedura Conciliativa può essere presentata direttamente agli Uffici della CCIAA Macerata tramite la compilazione dei modelli predisposti
(http://www.mc.camcom.it/P42A0C305S34/Conciliazioni-settore-idrico.htm) o presso gli Uffici dell'AAto3.

 

 

 

 

 

Eventi sismici 2016: emissione fattura di conguaglio ex Delibera AEEGSI n. 252/17

Si comunica che in adempimento alla Delibera AEEGSI n. 252/17, nello scorso mese di Agosto è stata emessa la fattura di conguaglio per le utenze la cui fatturazione era stata sospesa successivamente agli eventi sismici dell’anno 2016. Il ricalcolo dei consumi è stato effettuato con l’applicazione delle agevolazioni vigenti, ed ha interessato gli importi in precedenza già addebitati e oggetto di sospensione di pagamento; con tale operazione riprende inoltre la fatturazione che precedentemente era stata sospesa. 

QUALI UTENZE SONO INTERESSATE DALLA PRESENTE FATTURAZIONE

Il conguaglio è stato effettuato per le utenze agibili, con esclusione dei soggetti danneggiati che hanno dichiarato l’inagibilità, per i quali il conguaglio verrà effettuato a partire dal mese di Gennaio 2019. Sono inoltre stati conguagliati i consumi alle utenze danneggiate dal sisma ma tornate agibili successivamente. Infine, è stato effettuato il ricalcolo anche alle utenze attivate successivamente alla data del sisma a seguito di trasferimento per inagibilità dell’abitazione principale.

APPLICAZIONE AGEVOLAZIONI

Le agevolazioni prevedono l’azzeramento delle componenti tariffarie (quota fissa, acquedotto, fognatura e depurazione) e delle componenti UI di perequazione per 3 anni dalla data del sisma (26/10/2016). Gli importi di competenza successiva a tale data sono stati totalmente stornati e ricalcolati con l’applicazione delle agevolazioni tariffarie. Se l’importo della presente fattura è positivo, occorre effettuare il pagamento; viceversa se l’importo è negativo verrà liquidato il rimborso delle somme dovute.

MODALITA’ DI PAGAMENTO

Se l’importo complessivo dovuto è inferiore a 50 euro il pagamento va effettuato in un’unica soluzione utilizzando il bollettino allegato alla fattura; per gli utenti che hanno attivato la domiciliazione bancaria o postale della bolletta, il pagamento verrà effettuato in automatico (salvo buon fine) alla scadenza.

Se l’importo complessivo dovuto è superiore a 50 euro la fattura viene automaticamente rateizzata senza l’applicazione di interessi o spese; è comunque possibile effettuare il pagamento in un’unica soluzione per chi non intende avvalersi della rateizzazione automatica. 

MODALITA’ DI RIMBORSO

Nel caso di fattura a credito per l’utente, va precisato che in taluni casi l’importo da rimborsare potrà differire da quello indicato nella presente fattura: infatti, in presenza di fatture non pagate, emesse a partire dalla data del sisma, l’importo a credito verrà utilizzato a copertura parziale o totale di detti documenti.

Per il rimborso delle somme a credito, l’utente intestatario della fattura dovrà recarsi in qualsiasi Ufficio Postale presentando un documento di identità valido e il proprio codice fiscale (rif. Operazione: BONIFICO DOMICILIATO PER TERREMOTO); il rimborso, già disponibile, può essere incassato solo dall’intestatario dell’utenza. Le somme per il rimborso saranno disponibili fino alla data del 31 Ottobre 2018. 

Per utenti con domiciliazione bancaria/postale attiva, il rimborso è invece già stato effettuato entro il 30/09/2018 con bonifico bancario.

 

Comune di Apiro

IL TERRITORIO

Kmq di territorio servito: 53

Km rete adduzione e distribuzione: 105

Km rete fognaria: 24
   
Abitanti serviti: 2.264

Nr utenze servite: 1.554

Mc annui di acqua erogata: 173.486

(aggiornato al 01/09/2017)

 

Altre informazioni al sito: www.comune.apiro.mc.it

 

BONUS SOCIALE IDRICO

 

 

BONUS IDRICO: estesa al 31 luglio la proroga dei termini per il rinnovo del bonus sociale idrico. Resta invariata la durata complessiva di 12 mesi dei bonus, così come le altre disposizioni di cui alla Delibera 76/2020 del 18 marzo 2020. 

 

Il bonus acqua è un’agevolazione istituita per ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale.

E' stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell'articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all'anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

 Hanno diritto ad ottenere il bonus acqua gli utenti domestici diretti (titolari di contratto di fornitura) ed indiretti (con contratto di utenza condominiale) del servizio di acquedotto, fognatura e depurazione in condizioni di disagio economico sociale, cioè che sono parte di nuclei familiari:

• con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;

• con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa)

• beneficiari di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

La domanda per ottenere il bonus acqua va presentata, in forma di autocertificazione, presso il proprio Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (CAF), utilizzando gli appositi moduli. 

Per individuare quale sia il valore del bonus, gli utenti potranno consultare le tariffe in vigore (tariffa agevolata del servizio di acquedotto, tariffa di fognatura e tariffa di depurazione) e calcolare l'importo del bonus acqua, a cui hanno diritto, moltiplicando 18,25 metri cubi per il numero di componenti della famiglia anagrafica e per la somma delle seguenti tariffe:

• tariffa agevolata determinata per la quota variabile del corrispettivo di acquedotto;

• tariffa di fognatura individuata per la quota variabile del corrispettivo di fognatura;

• tariffa di depurazione individuata per la quota variabile del corrispettivo di depurazione.

L'erogazione del bonus acqua avviene con modalità differenti:

• Per gli utenti diretti, l'erogazione avviene in bolletta. Nello specifico, l'ammontare annuo è erogato pro-quota giorno e ogni bolletta che contabilizzi i consumi relativi al periodo di agevolazione riporterà una parte del bonus proporzionale al periodo cui la bolletta medesima fa riferimento.

• Per gli utenti indiretti, il gestore provvederà ad erogare il bonus in un’unica soluzione, ad esempio mediante accredito sul conto corrente (bancario o postale) o con un assegno circolare non trasferibile o con qualsiasi altra modalità scelta dal gestore, purché tracciabile e quindi verificabile.

Il bonus è riconosciuto per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di inizio agevolazione riportata nella comunicazione di ammissione e in bolletta. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, l’utente deve rinnovare la richiesta di ammissione presentando apposita domanda.

Se al termine del periodo di agevolazione l’utente ha ancora i requisiti necessari per l’ammissione (ISEE entro la soglia stabilita, presenza di un contratto di fornitura per il servizio di acquedotto presso l’abitazione di residenza) può rinnovare la richiesta di bonus presentando apposita domanda presso il Comune di residenza o i CAF abilitati.

La domanda va presentata circa un mese prima della scadenza dell'agevolazione in corso (se, ad esempio, il periodo di agevolazione va dal 1-9-2018 al 31-08-2019, il rinnovo deve essere presentato entro il 30 luglio 2019) al fine di garantire la continuità dell'erogazione. Un'apposita comunicazione viene inviata a tutti gli utenti interessati in prossimità della scadenza, per ricordare la data utile per il rinnovo in continuità.

Al momento del rinnovo l’utente deve presentare un'attestazione ISEE valida per il periodo da cui decorre la nuova agevolazione. Con riferimento all’esempio precedente, il certificato ISEE dovrà essere valido anche il 1° settembre 2019.

Va inoltre ricordato che i destinatari del bonus idrico potranno beneficiare anche di un ulteriore «bonus integrativo» se gli Ega (Enti di governo dell'ambito territoriale) riterranno di introdurlo o di confermarlo, essendo in alcuni ambiti già esistente, riconoscendo quindi al richiedente un importo ulteriore.

Per la consultazione e il download dei moduli per usufruire del BONUS IDRICO segui le indicazioni al seguente LINK 

Comune di Apiro - Qualità dell'acqua

Apiro Capoluogo

Apiro zona Frontale - Pianole